Le faccette dentali: cosa sono?

Le faccette dentali sono delle sottilissime lamine di ceramica che vengono applicate sulla superficie esterna dei denti anteriori per migliorarne il colore, la forma e la posizione. Si tratta di una metodica non invasiva che permette al paziente di ottenere un sorriso armonioso e naturale.  Lo spessore medio delle faccette si aggira intorno ai 0,5-0,7 mm.

Le faccette dentali sono idonee a correggere le alterazioni dei denti che deturpano la bellezza di un sorriso. Sono uno degli ultimi rimedi studiati e sviluppati da odontoiatri specializzati in terapie correttive di estetica dentale.

Esistono anche faccette dentali pre-formate che il dentista si limita a selezionare ed applicare ai denti, ma per ottenere un perfetto risultato e’ indispensabile che le faccette vengano realizzate “su misura” da odontoiatri specializzati in estetica dentale.

Per ottenere un perfetto risultato con le Faccette Dentali bisogna eseguire una prima fase di studio del caso clinico in cui lo specialista analizza e studia attentamente il problema, ed una seconda fase di realizzazione ed applicazione delle faccette.

Una volta cementate le faccette divengono molto resistenti, e rinforzano la struttura dentaria compromessa. L’utilizzo delle faccette estetiche è sconsigliato nei pazienti con parafunzioni, come lo sfregamento e serramento dei denti, conosciuti con il nome di bruxismo.


In quali casi è possibile utilizzare le faccette dentali in ceramica?

Le faccette dentali in ceramica si utilizzano su denti che presentano problemi estetici e funzionali. Con l’utilizzo delle faccette opportunamente realizzate ed incollate sui denti si possono correggere le seguenti imperfezioni dei denti:

- Discromie o macchie permanenti che non si possono correggere con i trattamenti di sbiancamento dentale. Le faccette possono infatti nascondere un alterata pigmentazione dei denti.

- Diastemi, cioè quando sono presenti eccessivi spazi tra un dente e l’altro le faccette riducono questo spazio.

- Denti con anomalie di forma, con le faccette è possibile correggere anche la forma imitando quella di un dente perfetto.

-Denti fratturati o scheggiati

-Denti malformati

- Denti usurati

- Denti abrasi come risultato di processi erosivi vari (abuso di bevande acide, vomito indotto nei casi di bulimia).


Talvolta, anziché in porcellana o ceramica, le faccette dentali sono realizzate utilizzando un materiale chiamato “composito” anch’esso di colore naturale.

Le FACCETTE DENTALI conferiscono ai denti un aspetto naturale, oltre che sano ed esteticamente molto piacevole.

Prima di applicare le faccette in ceramica, è necessario preparare leggermente il dente; la preparazione è tuttavia estremamente conservativa e limitata al livello più superficiale del dente, ovvero lo smalto.

Una volta cementate al dente, le faccette in ceramica permettono di raggiungere un risultato estetico senza eguali e concorrono a rinforzare la struttura dentaria residua.

Per evitare di rovinare la ceramica della faccetta bisogna evitare di masticare cibi troppo duri. Fondamentale e’ l’igiene orale con l'utilizzo dello spazzolino e del filo interdentale per limitare l’ accumulo di placca batterica e tartaro, principali responsabili della carie e delle gengiviti. Bisogna evitare di mangiarsi le unghie, rompere cubetti di ghiaccio o mordicchiare oggetti metallici o particolarmente duri. Il bruxismo, ovvero l’abitudine di digrignare i denti, in particolare durante la notte, può comportare dei problemi alle faccette in ceramica. I dentisti in genere sconsigliano l’applicazione delle faccette a questo tipo di pazienti, a meno che il bruxismo non possa essere adeguatamente controllato, per esempio indossando un bite, in quanto il fenomeno crea forze decisamente elevate che possono spostare o addirittura rompere le faccette in porcellana.

Grazie alla faccette dentali i pazienti sono in grado di recuperare in modo completo la funzionalità degli elementi dentali compromessi e di ottenere nuovamente un’estetica piacevole e soddisfacente.