Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

I pazienti affetti da diabete mellito risultano più esposti al rischio di contrarre una malattia parodontale infettiva, soprattutto nella fasi di ipoglicemia e iperglicemia, ossia quando la glicemia non è tenuta sotto controllo, e rischiano di veder peggiorare la malattia. Per questi pazienti, contrarre parodontiti può comportare l’insorgere di complicazioni anche gravi. Infatti, nelle lesioni parodontali, si trovano un gran numero di batteri patogeni Gram-negativi in grado di penetrare i capillari delle gengive ed entrare in circolo nell’organismo, dando origine a episodi di batteriemia ed immissione in circolo di tossine. Il dottor Marco Turco, dentista responsabile dei programmi di cura dei centri Samadent ha così commentato: ”I pazienti che soffrono di parodontite, hanno la tendenza a sviluppare stati infiammatori nell’intero organismo, riscontrabili anche a livello ematico, tendenza che vediamo accentuata in chi soffre di diabete.” e ancora ”…noi dentisti consigliamo di sottoporsi regolarmente a visite di controllo dal proprio odontoiatra di fiducia, ma per quanto riguarda i pazienti diabetici, questo invito diventa ancora più importante.” Prosegue il dottor Turco: “è necessario che lo specialista faccia delle domande mirate a conoscere lo stile di vita del paziente, il suo andamento glicemico, se hanno perso denti, se alcuni dondolano, se le gengive sono infiammate o si ritirano. Nel momento in cui il medico diagnostica la patologia, è importante informare il paziente della correlazione tra diabete e malattie parodontali, e delle conseguenze che queste possono comportare. A cura della redazione di Studio Ruggirello

Comment