Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Le ricerche hanno dimostrato che uno dei farmaci più diffusamente usato per il trattamento della depressione in tutto il mondo, può aumentare i rischi di fallimento degli impianti dentali. L'antidepressivo (SSRI Selective serotonin reuptake inhibitors), era già stato associato ad una crescita ridotta dell’osso e all’aumento di rischio di fratture ossee. I ricercatori della McGill University hanno passato al setaccio le cartelle di 292 femminile e di 198 pazienti maschi nella fascia di età compresa tra i 17 e i 93 anni, che avevano effettuato degli impianti dentali tra il gennaio del 2007 e del 2013. In totale sono stati esaminati 916 impianti dentali, di cui 94 applicati a 51 pazienti che facevano uso dell’SSRI. Durante il periodo di osservazione 868 impianti non hanno avuto conseguenze mentre 48 sono andati incontro al fallimento. Il tasso di insuccesso è stato significativamente più elevato nei consumatori di SSRI (10,6%) rispetto a coloro che non ne facevano uso (4,6%). Si è ipotizzato che il fallimento nei pazienti facenti uso era prevalentemente associato a problemi di sovra-caricamento meccanico degli impianto dentali. Per confermare l'ipotesi, tuttavia, saranno necessari ulteriori studi. Anche il fumo e l’utilizzo di impianti di piccolo diametro (≤ 4 mm), sono associabili a un maggior rischio di fallimento. La perdita dell'impianto si è verificata principalmente in un lasso di tempo compreso tra 4 e 14 mesi dopo il posizionamento. Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, gli antidepressivi sono al terzo posto tra i farmaci più utilizzati dagli americani di tutte le età: più frequentemente da persone tra i 18 e i 44 anni. Si ritiene che circa l’11% degli americani, a partire dai 12 anni in su prenda l’antidepressivo SSRI. Intitolata "Selective Serotonin Reuptake Inhibitors and the Risk of Osseointegrated Implant Failure: A Cohort Study" la ricerca è stata pubblicata online il 3 settembre sul Journal of Dental Research, prima che andasse in stampa.

A cura della redazione si Studio Ruggirello

Comment