Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

il primo dentino.jpg

Forse uno dei primi grandi eventi della vita è l'eruzione dei denti da latte. Entrare in possesso dei denti cambia notevolmente la qualità della vita di un bambino e la sua esperienza con le sensazioni che il mondo gli offre. I denti da latte (sono 20 in totale) iniziano a comparire verso i 6 mesi di età; l'ultimo dovrebbe presentarsi all'appello verso i due anni e mezzo. Parliamo, ovviamente, di un esempio sui tempi medi di crescita e bisogna considerare il fatto che la differenza tra un bambino e l'altro potrebbe essere notevole.  

Una delle prime cose da considerare è la componente genetica del bambino; se i genitori o il fratellino/sorellina hanno messo i denti in ritardo o prima della media è probabile che ciò capiti anche a lui/lei. Anche in caso di forti ritardi nel tempo della comparsa della prima dentizione, non c’è alcun  motivo di allarmarsi,  solitamente entro l’anno di età fa la sua comparsa l’agognato dentino.

La nascita del primo dentino è spesso accompagnata da diversi sintomi: salivazione abbondante, gengive gonfie e infiammate, nervosismo del bambino, inappetenza.  Il bmbino è più capriccioso, soprattutto la sera quando è più stanco. In concomitanza con l’arrivo di un dentino, può succedere che il bambino presenti anche qualche scarica di diarrea o un leggero aumento della temperatura.

In questo periodo  ai bambini piace mordere di tutto, in modo di lenire il fastidio alle gengive con una sorta di massaggio. Esistono dei giochi in silicone da inserire nel congelatore, ad esempio: gli anelli refrigeranti, si possono proporre al bimbo in modo che trovi un oggetto morbido e fresco per lenire il fastidio alle gengive. Anche un massaggio della gengiva con una garzina imbevuta di acqua fredda può essere utile. Dovremmo invece evitare di proporre al bimbo sostanze contenenti zucchero, come ad esempio il miele, per evitare il rischio di carie e per non assuefare il piccolo al gusto del dolce. Le coccole si dimostrano, però, sempre il rimedio migliore; tranquillizzare il bambino e trasmettergli che tutto va bene e che voi gli siete vicini, è di gran lunga il rimedio più naturale e più incisivo per il suo benessere.

Quando spunta il primo dentino inizia la pulizia. Basta pulire con uno speciale spazzolino da dito, si trova in farmacia, la mattina e la sera. Quando sono comparsi tutti i dentini da latte, diventa ideale usare uno spazzolino con setole più lunghe, una testina sottile e un’impugnatura grossa e maneggiabile. così anche il piccolo può ben esercitarsi a lavarsi i denti da solo. 

Consigli ai genitori: lavare i denti è un rito:

  • Essere d’esempio, perché i piccoli imparano per imitazione.
  • Associa la pulizia dei denti a un bel rituale. Presto diventerà normale.
  • Fallo diventare un gioco. E usa un po' di fantasia se il piccolo non ne vuole proprio sapere di aprire la bocca. Un esempio? Dire “Aaaa”. In questo modo spesso la bocca del piccolo si apre automaticamente. O far ridere il piccolo, spazzolando velocemente sui denti con le setole.

(Fonte del disegno: Puericultura - Il bambino da 0 a 6 anni - Garzanti)

Comment